Guida all’esfoliazione di viso e corpo: come scegliere il trattamento giusto

L'importanza dell'esfoliazione in una perfetta skincare routine anti-age, i trattamenti e i prodotti giusti

Sappiamo tutte quanto è importante l’esfoliazione in una corretta routine di skincare, non solo per mantenere i pori liberi e la pelle pulita ma anche in termini anti -age.

Il turnover cellulare

Le cellule dell’epidermide sono prodotte per mitosi nello strato più profondo della pelle chiamato basale/germinativo. Le cellule nuove spingono quelle più vecchie verso la superficie esterna, da dove vengono poi eliminate attraverso la desquamazione.

Durante questo processo di migrazione dallo strato più profondo a quello più superficiale le cellule mutano sia nella forma che nella composizione chimica; tale processo è definito di cheratinizzazione in quanto le cellule che migrano verso la superficie esterna accumulano, a livello citoplasmatico, cheratina.

Con l’età il turnover cellulare rallenta e una volta arrivate allo strato più superficiale (corneo), le cellule vecchie tendono ad accumularsi formando una sorta di tappo sulla pelle che di conseguenza assume un aspetto spesso, spento e ingrigito. Questo tappo fa anche da barriera ai prodotti e ai trattamenti cosmetici che non riescono ad essere veicolati e quindi ad agire efficacemente.

E’ per questo motivo che, soprattutto nell’ottica di un efficace trattamento anti-age, esfoliare la pelle di viso e corpo periodicamente diventa fondamentale.

In commercio esistono vari tipi di esfolianti, che agiscono in maniera diversa e per questo vanno scelti in base alla nostra tipologia di pelle e alle sue specifiche esigenze perché siano realmente efficaci senza rischiare di sollecitarla o impoverirla eccessivamente.

L’ESFOLIAZIONE PER IL CORPO
Lo scrub corpo

Con il nome di scrub si indicano di solito le creme esfolianti per il corpo che si utilizzano per levigare ispessimenti e ruvidità di ginocchia, gomiti, talloni. Queste creme contengono micro granuli abrasivi naturali. Spesso i micro granuli sono immersi in oli essenziali per lasciare la pelle ancora più morbida e idratata.

In caso di pelle normale, secca o grassa si può ripetere il trattamento 2 volte alla settimana, in caso di pelle irritabile invece ti consiglio di fare lo scrub ogni 15 giorni.

Come si usa: inumidire il corpo, massaggiare il prodotto con movimenti circolari dal basso verso l’alto, risciacquare e procedere con i propri prodotti abituali.

  • Se hai problemi di ritenzione idrica: scegli uno scrub a base di sali del Mar Morto che, oltre ad esfoliare, riducono i liquidi in eccesso.
  • Se hai la pelle gassa: preferisci scrub contenenti essenze di agrumi come il limone e la vitamina C che aiutano ad asciugare il sebo in eccesso.
  • Per la pelle matura: l’ideale è uno scrub che contenga alfaidrossiacidi (acidi della frutta) che hanno un forte potere levigante oltre a olio di argan e olio di jojoba che sono emollienti indispensabili per ripristinare il giusto livello di idratazione.

Scrub_corpo_3

 

L’ESFOLIAZIONE PER IL VISO
Lo Scrub viso

Generalmente si presenta con una texture cremosa arricchita di microsferule rotonde. E’ un trattamento consigliato, settimanalmente, a una pelle poco reattiva e abbastanza robusta.

La sua azione si definisce meccanica: le microsferule agiscono grazie al movimento rotatorio che effettuiamo con i nostri polpastrelli. Una volta massaggiato dopo pochi minuti possiamo risciacquare e procedere con la nostra routine di skincare.

scrub_viso

Il gommage

Il gommage esfolia con maggiore delicatezza rispetto allo scrub, grazie a una base idratante composta da creme oppure oli vegetali nutrienti ed è quindi un trattamento che io trovo più indicato per la pelle del viso. Spesso ha una texture in gel o fluida.

L’azione esfoliante è però sempre di tipo meccanico: massaggiando la pelle con il prodotto si rimuove lo strato più superficiale di cellule morte che ricoprono l’epidermide.

Adatto a un tipo di pelle che non ha problematiche particolari, pelle anche fine o sottile, con poche impurità. La frequenza consigliata generalmente è settimanale, se invece hai una pelle molto secca e disidratata anche una volta ogni 15 giorni.

Il gommage, come lo scrub, non è il metodo di esfoliazione più adatto se soffri di couperose o di irritazioni cutanee. Un massaggio abrasivo rischierebbe di sollecitare e stressare eccessivamente la pelle finendo con il peggiorare la situazione.

commage_viso

Il peeling chimico

Il peeling chimico sfrutta le proprietà di alcune sostanze (come alfa e beta-idrossiacidi tra cui l’acido glicolico, acido mandelico, acido piruvico, acido salicilico) per accelerare il naturale ricambio della pelle e generare così cellule nuove e vitali.

I peeling possono essere suddivisi in leggeri, medi e profondi, a seconda della sostanza usata, della sua percentuale e quindi del livello di penetrazione che si vuole ottenere. Più il peeling è profondo, più è potente il suo potere di rinnovare letteralmente la superficie della pelle, levigando la grana e minimizzando le imperfezioni.

Con il peeling chimico sono trattati:

  • Invecchiamento cutaneo
  • Cicatrici da acne
  • Smagliature
  • Discromie cutanee (cloasma, cloasma gravidico)

peeling

Questo tipo di trattamento viene usato in dermatologia, in medicina estetica e nei centri estetici professionali e si differenzia in base alla percentuale di principio attivo utilizzata. L’Acido Glicolico per esempio è usato a una percentuale fino al 30% dall’estetista, oltre questa soglia da dermatologi e medici estetici.

E’ un trattamento eseguito preferibilmente nel periodo invernale. Non lo si consiglia dalla primavera in poi in quanto l’Acido Glicolico è un acido foto sensibilizzante ciò significa che, con l’esposizione alla luce solare, può causare discromie cutanee ovvero macchie scure.

Non consiglio l’uso di peeling chimici versione casalinga perché per la loro potenza restano un tipo di trattamento di competenza medica. Nei centri estetici esistono peeling chimici in “concentrazioni da cabina” che, se effettuati con costanza, riescono a dare risultati apprezzabili.

Il peeling enzimatico

Questa tipologia di peeling è più delicata, accelera il naturale ricambio cellulare senza irritare la pelle.

La sua composizione è priva di particelle abrasive ed è quindi adatta anche alle pelli più sensibili e facilmente irritabili. Gli enzimi inglobati nella formulazione del prodotto asportano delicatamente le cellule morte rendendo la pelle morbida e luminosa.

Tra gli enzimi più usati: la papaina (enzima della papaia) che è ricco di antiossidanti, flavonoidi e minerali, la polvere di noce di cocco, che libera i pori e aiuta a rimuovere le cellule morte e l’oleolita di bardana, famoso antibatterico e regolatore di sebo.

peeling_enzimatico

Questo tipo di esfoliante può essere usato a casa con cadenza settimanale. Spesso lo troviamo in commercio con sotto forma di polvere che una volta inumidita crea una pappetta sul viso che andrà tenuta in posa circa 10 minuti per poi essere risciacquata.

La composizione spesso vegetale lo rende un prodotto piacevole e nello stesso tempo delicato. Per chi non ha mai fatto questa esperienza la consiglio. Se la composizione non contiene alfa-idrossiacidi non siamo obbligate a usare successivamente una protezione solare in caso contrario invece è meglio proteggere la pelle ed evitare l’esposizione diretta al sole nei giorni immediatamente successivi al trattamento.

I Beauty Tool specifici

Oggi abbiamo a disposizione anche molti Beauty Tool che hanno un’azione esfoliante per viso e corpo.

ultrasonic_facial_rio

Alcuni hanno spazzole che sfruttano l’azione meccanica altri più sofisticati utilizzano tecnologie come gli ultrasuoni (le varie spazzole soniche o i tanto popolari dispositivi in silicone per esempio).

Questi tipi di dispositivi ispirati al mondo professionale e studiati per un uso casalingo sono ottimi alleati che ci aiutano a potenziare e mantenere i risultati ottenuti con gli esfolianti sopra citati per una pelle più luminosa, morbida e pronta a ricevere tutti i trattamenti abituali. Sul blog troverai post specifici dedicati ai Beauty Tool per capire come utilizzarli al meglio e soprattutto per quali tipologie di pelle sono più adatti.

Ti è piaciuto questo post? Se lo hai trovato utile metti un bel LIKE e condividilo!

 

Banner Autor_3

 

 

 

Scrivi un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: