Passare alla coppetta mestruale: una scelta di libertà Unyqa

I pro della coppetta mestruale sono veramente tantissimi. Spesso a bloccarci sono solo pregiudizi e miti da sfatare.

Oggi voglio parlarti di un prodotto che non è strettamente legato al mondo del beauty ma riguarda noi donne molto da vicino. Riguarda il nostro stile di vita e in un certo senso la nostra libertà: la coppetta mestruale.

So che si tratta di un argomento piuttosto intimo e che non è semplice decidere di cambiare le proprie abitudini in questa sfera ma la coppetta ha veramente un’infinità di lati positivi che vale la pena valutare.

Le mestruazioni spesso sono per noi donne sinonimo di disagio, a partire dalla paura di sporcarci e dalla conseguente necessità di girare sempre armate di assorbenti e tamponi con tutto quello che ne consegue sia a livello di spese mensili che di inquinamento (un solo assorbente impiega circa 500 anni per disintegrarsi!).

Tutti i lati positivi della coppetta mestruale

  • Una coppetta mestruale di buona qualità può durare fino a 10 anni. Una sola piccolissima spesa per anni di utilizzo. Nel nostro piccolo contribuiamo a salvare il pianeta. Basta assorbenti usa e getta!
  • Non correremo mai più il rischio che il ciclo ci sorprenda impreparate. Non c’è più bisogno di avere la scorta di assorbenti in casa
  • Meno rischio di irritazioni e infezioni intime. Le coppette sono realizzate in silicone medicale e sono ipoallergeniche, rispettano il PH intimo e non contengono sostanze chimiche sensibilizzanti

Ma allora perché non ci siamo tutte convertite a questo semplicissimo sistema di gestire il nostro ciclo? Per pregiudizi e timori (spesso) infondati. Non ne sappiamo abbastanza e come tutte le cose nuove un po’ ci spaventa.

In effetti almeno sulla carta, la cosa sembra molto più complicata di quanto in realtà non sia.

Te lo dico con cognizione di causa perché nonostante moltissime mie amiche nel tempo si siano “convertite” all’uso della coppetta e me ne abbiano decantato le lodi, io ci ho messo 45 anni per decidermi a provare.

L’ho fatto il mese scorso e come capita al 90% delle donne che decidono di rompere il ghiaccio sono qui a chiedermi perché non ci abbia pensato prima!

E’ per questo che ho deciso di raccontarti la mia esperienza.

Io ho scelto la coppetta di Unyqa perché:

  • è realizzata in silicone medicale trasparente e prodotta in camera bianca senza aggiunta di coloranti
  • ipoallergenica
  • Made in Italy
  • inoltre è molto semplice scegliere la misura. La S è consigliata fino a 30 anni se non si è avuto un parto naturale e la M a partire dai 30 anni o anche prima nel caso di parto naturale (non è una questione di abbondanza del flusso ma di forme del corpo a cui la coppetta deve adattarsi)
  • è in vendita su QVC (quindi si può provare senza rischi!)

Come si usa

STEP 1: Per prima cosa, prima di utilizzarla, devi sterilizzare la coppetta.

Quella di Unyqa arriva con un piccolo contenitore anche lui in plastica ad uso medicale in cui immergerla per qualche minuto in una soluzione ad hoc (di quelle che si usano per sterilizzare i ciucci dei bambini).

In alternativa basta farla bollire in un pentolino con dell’acqua per 3-5 minuti.

STEP 2: devi imparare a piegarla per inserirla.

Nelle istruzioni e sul sito unyqa.it sono indicati diversi modi per farlo.

Tieni presente che la coppetta è realizzata in un materiale morbido ed elastico quindi piegarla è veramente un gioco da ragazze e il modo che ti risulta più immediato è quello giusto.

Anche inserirla è semplicissimo, niente di più complicato che mettere un assorbente interno. Primo perché va posizionata meno in profondità rispetto a un normale tampone e poi, essendo realizzata in materiale morbido ed elastico, si adatta perfettamente alla forma del nostro corpo.

Una volta inserita la coppetta riprende la sua forma e va ad aderire perfettamente alle pareti della vagina creando il sotto vuoto. E’ per questo che se ben posizionata il rischio di perdite è veramente pari allo zero.

Risultato? E’ invisibile e completamente impercettibile. Ti sembra semplicemente di non averla.

Sei libera di indossare qualsiasi tipo di intimo (anche il più sexy!) e di fare qualsiasi movimento. Lei resta lì e tu nemmeno te ne accorgi.

STEP 3: Arriviamo a quello che per molte donne alla prima esperienze (me inclusa) è l’aspetto che crea più perplessità: come si estrae e si svuota.

La coppetta può essere indossata fino a 12 ore consecutive. Si consiglia di svuotarla ogni 8-10 ore ma considera che contiene in media l’equivalente di 3 tamponi super e che, per effetto del sottovuoto, se anche il flusso dovesse superare (cosa molto improbabile) la capienza della coppetta stessa non ci sarebbe il rischio di perdite esterne!

Per estrarla la cosa fondamentale è rilassarsi, rilassare i muscoli. La coppetta ha un piccolo peduncolo che ti aiuta ad agganciarla. Con le dita va pizzicata all’estremità, lei si stacca dalla parete vaginale e a quel punto si estrae molto semplicemente con piccoli movimenti a zig-zag (fai solo attenzione a non farla rovesciare mentre la tiri fuori!).

STEP 4: una volta estratta la coppetta va svuotata nel bagno, sciacquata con acqua (non c’è bisogno di sapone) e riposizionata.

STEP 5: alla fine del ciclo la coppetta va sterilizzata di nuovo e conservata utilizzando il suo contenitore sterile.

La mia esperienza e le domande più frequenti

E’ difficile metterla e toglierla?

Sinceramente per nulla. Le stesse istruzioni (con tutti i vari modi per piegarla, le posizioni consigliate per rimuoverla etc) la fanno sembrare più difficile di quanto non sia.

Soprattutto se sei già abituata ad usare gli assorbenti interni questi passaggi sono veramente un gioco da ragazze.

Puoi anche fare delle prove di utilizzo quando non hai il ciclo. Ti aiuterà a prendere dimestichezza con il prodotto e con il tuo corpo e al momento giusto sarai assolutamente pronta e a tuo agio.

C’è rischio di perdite?

Se scegli la misura giusta per te, se il silicone ha il giusto grado di morbidezza ed elasticità e se la posizioni correttamente assolutamente no.

Ovviamente quando l’ho usata i primi giorni avevo la stessa paura e non essendo sicura di come la usavo e posizionavo, ho scelto di indossare comunque un salva slip di sicurezza. Ti consiglio di fare lo stesso, ti aiuterà a sentirti più sicura.

E’ comoda?

Comodissima. Invisibile (non c’è nemmeno il cordino tipico dei tamponi che fuoriesce) e impercettibile (letteralmente non ti accorgi di indossarla, perché una volta indossata non si muove più e segue i movimenti del tuo corpo).

Ovviamente devi scegliere la misura giusta per te.

Il silicone in cui è realizzata quella di Unyqa ha il giusto grado di morbidezza per essere allo stesso tempo comoda ma efficace.

E’ igienica?

Realizzata in silicone medicale (quella di Unyqa è prodotta in camera sterile) senza coloranti, è ipoallergenica, non contiene agenti chimici potenzialmente irritanti, non ci sono fibre estranee che rischiano di depositarsi in vagina e non altera il PH intimo. E si può sterilizzare ogni volta che serve!

Come funziona se devi svuotarla e non sei a casa?

Io i primi giorni ho cercato di fare questa operazione a casa, nella comodità del mio bagno.

Quando ci prendi dimestichezza però ti accorgi che puoi farlo tranquillamente ovunque.

Se ti trovi fuori casa e non hai acqua corrente a disposizione nel bagno, porta semplicemente con te una bottiglietta d’acqua con cui sciacquarla e magari delle salviette detergenti per le mani.

Ora tocca a te!

Probabilmente anche tu come me hai qualche amica che si è convertita all’uso della coppetta che si trova meravigliosamente bene e te ne decanta le lodi da anni. Succede così, il 90% delle donne che fanno il grande salto non tornano più indietro.

Se in famiglia siete più donne questo “esperimento” potrebbe essere risolutivo: pensa al risparmio (in una casa con due o più donne gli assorbenti sono decisamente un costo non indifferente) e alla quantità di rifiuti che eviterete di produrre. E per una ragazzina giovane che impara a conoscere il suo corpo e a gestire i problemi del ciclo la coppetta è igiene, sicurezza, libertà adesso e negli anni a venire.

Se sei una sportiva non puoi non essere incuriosita dalla possibilità di vivere i giorni del ciclo in assoluta libertà senza limitarti in alcun modo nelle tue attività.

E pensa anche alla libertà nel vestire. Non ci sono più limiti perché semplicemente quando indossi la coppetta è invisibile.

Insomma i motivi per decidersi a provare sono veramente tantissimi. Quelli per non farlo invece sono solo supposizioni, paure e miti da sfatare.

Dove la trovo?

La coppetta mestruale di Unyqa è in vendita su QVC | codice 209499 | Prezzo: €18,90 o sul sito unica.it

Scrivi un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: